Data

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Procurement Digitale: verso la resilienza per il new normal

Lo stato attuale dell’approvvigionamento non promette bene e la figura del Procurement Digitale è effettivamente in crisi.

Le continue interruzioni delle catene di approvvigionamento degli ultimi due anni hanno messo in condizioni instabili anche le figure del Procurement Digitale e i CPO (Chief Procurement Officer), i quali hanno avuto poco tempo per adattarsi al nuovo stato di dubbio e di disequilibrio.

I team di approvvigionamento devono affrontare rischi su più fronti e una soluzione tecnologica all’avanguardia è indispensabile per velocizzare e ottimizzare i processi aziendali e limitare i Risk Operations.

A sostenere questa ipotesi è Gartner nel suo recente rapporto “Shockproof Supply Chain for the New Age of Disruption”: si analizza l’approccio e il pensiero dei Manager che affrontano quotidianamente problemi e sfide nei processi e nelle operazioni aziendali, a discapito di un’attenta pianificazione e predisposizione di piani di Risk Management.

Non solo Risk Management, il Procurement Digitale verso la resilienza

Nonostante questo scenario appena descritto, le aziende devono comunque cogliere le opportunità del mercato se l’obiettivo futuro è creare valore in un scenario non così tanto roseo.

Essere resilienti, quindi, potrebbe essere la chiave del successo.

Ma cosa intende un Procurement Digitale per resilienza?

“Capacità di adattamento, sapersi riprendere e adattare alla situazione attuale, assorbire impatti negativi e saperli evitare e prevenire per evitare interruzioni della catena della Supply Chain” interpreta Giulia Ruggi, CMO @ HiSolution

Ma come si garantisce una buona resilienza? La soluzione sta nel mitigare i rischi che inevitabilmente potrebbero insorgere e creare impatti negativi sui processi di approvvigionamento e la figura del Procurement Digitale si trova costretto a dover lavorare a stretto contatto con tutti gli attori della catena.

Deve effettuare un cambio forma mentis, per pensare e agire come un leader e guidare i processi aziendali verso il cambiamento in un’ottica di miglioramento nella gestione dei costi e delle operazioni.

Quali sono i principali rischi affrontati dal Procurement Digitale?

  • Costi e spese: sembra una banalità ma non lo è così del tutto. Le spese eccessive, e talvolta anche ingiustificate, sono dietro l’angolo. Una scarsa visibilità delle spese sostenute da ciascun dipendente può condurre a una serie di rischi per l’organizzazione, come ad esempio acquisti non autorizzati, spese aggiuntive e perdita di tempo prezioso. Inoltre, sarà impossibile collegare i budget al comportamento di acquisto effettivo, il che si tradurrà in un audit trail inadeguato con la conseguente esposizione a gravi rischi finanziari.
  • Gestione disorganizzata dei fornitori. Un sistema di gestione dei fornitori disorganizzato che coinvolge estesi documenti burocratici e processi manuali può rivelarsi un rischio significativo per l’intera organizzazione. Questo tipo di processo si rivela inefficiente a causa delle funzionalità limitate e impedisce alle aziende di prendere le decisioni giuste durante la scelta dei fornitori.
  • Elaborazione manuale. Le procedure manuali di elaborazione e approvazione rallentano il ciclo di approvvigionamento, causando sanzioni per ritardi di pagamento e perdita di documento. Ma non solo, mettono in pericolo le relazioni con i fornitori. Qualsiasi sistema che si basa sull’inserimento di dati umani e cartacei è soggetto a errori: la risoluzione del problema comporta costi di risoluzione della fatturazione più elevati e una minore produttività dei dipendenti. Errori, che soprattutto nel caso delle Telco, si concretizzano in errori di fattuazione in bolletta.
  • Analisi dei bisogni inadeguati. Durante un processo di approvvigionamento di prodotti o servizi i rischi sono evidenti: esagerazione o sottovalutazione della necessità, tempistiche non realistiche, vincoli di bilancio e requisiti mal concepiti. Oltre a generare spreco di tempo e denaro questi comportano un effetto a catena: previsioni e budget errati sin dall’inizio possono portare a una serie di decisioni sbagliate lungo la strada.

Ad ogni problema, c’è sempre una soluzione

Se è vero che un problema è sempre risolvibile, è giusto pensare che i rischi connessi alle operazioni di approvvigionamento possono essere mitigati grazie alle tecnologie.

Quali? E come?

  • Con un’analisi attenta della spesa

Gli strumenti di approvvigionamento digitale consentono di monitorare e analizzare i dati delle transazioni per ogni acquisto ed esaminare i modelli di utilizzo. I dati mettono a disposizione informazioni utili su come migliorare e adattare la strategia di approvvigionamento dell’azienda.

  • Con la gestione semplificata dei fornitori

I software di approvvigionamento digitale semplificano la valutazione e l’amministrazione dei fornitori, assegnando responsabilità per ogni elemento del processo di approvvigionamento. Si riduce così il rischio della catena di approvvigionamento.

  • Grazie alla documentazione automatizzata e digitalizzata

La gestione digitalizzata dei documenti consente di raccogliere, organizzare e archiviare i dati in modo sistematico. Gli inserimenti sono automatizzati e gli errori sono meno e i dati meno imprecisi. Digitalizzando il processo, si evita anche un’eccessiva produzione di carta e costi di stampa.

  • Interfaccia user friendly

Un’interfaccia user friendly consente agli utenti di tenere traccia del proprio percorso d’acquisto in piattaforma. Ma non solo, perché se è stata strutturata anche secondo un layout grafico ben stabilito e accattivante, gli utenti sono maggiormente invogliati a districarsi nel silos quasi caotico dei dati.

Scegliere una soluzione automatizzata, può aiutare a districarti nel marasma delle analisi, dati e statistiche ed evitare di cadere nella trappola di costi in bolletta indesiderati.

Noi per i nostri clienti che avevano queste necessità, abbiamo risposto con Babel. Per saperne di più, visita il sito www.babelsuite.it

Potrebbero
Interessarti anche

HISOLUTION SRL

Via della Canapiglia, 5 – 56019 Vecchiano PI Italia
Tel: +39 050 6397401 – Fax: +39 050 6390237

info@hisolution.it

HELP DESK +39 050 6397469

Dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 18:30

NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle ultime novità del mondo ICT

Copyright © 2021 Hisolution Srl – P.IVA 02008500460  | Credit

Rimani aggiornato sulle ultime novità del mondo ICT

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER